23 novembre 2015
 Posted by Otil Farg
2

Sogni Einauditi

Nel giorno del suo compleanno, “Sogni Einauditi” vuol essere un modesto omaggio in versi al grande pianista Ludovico Einaudi.

Fonte inesauribile di struggenti melodie evocative, costituisce ormai da tempo una delle migliori colonne sonore per la creazione delle mie storie.

Quale migliore occasione e forma, quindi, per ringraziarlo della sua sensibilità artistica?

—————————

Sogni Einauditi

Notte, in attesa di svanire,
si trasforma in orbite
di pensieri in divenire.

Respiro, lento,
in questo limbo
di note sottovento.

Cerchio di luce,
moto perpetuo
del filo che cuce.

Trama e ordito,
flussi e cadenza
di un mare infinito.

Onde e correnti,
ombre di nuvole
bianche e lucenti.

Stanze oltremare,
rose che invitano
ormai a ritornare…

Giorni di vanto:
quello che resta
è dentro l’incanto.

Otil Farg

—————————

Ludovico Einaudi Official Web Site >>

2 comments on “Sogni Einauditi”

  1. Nicola U. Rotoli Reply

    La musica suggestiva di Ludovico Einaudi mi tiene spesso compagnia, soprattutto quando rimango da solo con i miei pensieri…
    La poesia che gli hai dedicato, giocando con le sue composizioni, è molto bella. Complimenti.

    • Otil Farg Reply

      Grazie Nicola,
      si vede che anche tu sei un cultore della sua musica. 🙂

Leave a comment

Please wait...